PERCHE' UN OTTIMO COLLABORATORE LASCIA L'AZIENDA?

 di Antonio Bicego, dottore in Psicologia

 



I motivi per cui un buon elemento lascia un’azienda sono il migliore check up organizzativo che tu possa ricevere. Se ne va perché manca qualcosa che continuerà a mancare dopo che se n’è andato. Cosa?





1) I motivi economici sono sempre decisivi
V  
F  
2) I rapporti con i colleghi contano poco
V  
F  
3) La distanza dal lavoro è sempre irrilevante
V  
F  
4) I più cambiano lavoro su indicazione del partner
V  
F  
5) Si va via da un’azienda perché la tecnologia è scarsa
V  
F  
6) Si va via da un’azienda quando la relazione col Capo è debole
V  
F  
7) Come imparare dal collaboratore che se ne va: 1) Chiederlo a lui stesso non serve a niente
V  
F  
8) Come imparare dal collaboratore che se ne va: 2) Farlo parlare con il Direttore del Personale è utile
V  
F  
9) Come imparare dal collaboratore che se ne va: 3) Fargli compilare un questionario è utile
V  
F  
10) Come imparare dal collaboratore che se ne va: 4) Le voci di corridoio non te la raccontano giusta
V  
F  
11) Del “rilanciare” dopo le dimissioni: 1) Conviene sempre fare il possibile per fare rientrare la decisione
V  
F  
12) Del “rilanciare” dopo le dimissioni: 2) Rilanciare è un modo di mostrare debolezza
V  
F  
13) Del “rilanciare” dopo le dimissioni: 3) È vera la statistica che il 90% di chi è trattenuto col "rilancio" se ne va comunque entro 18 mesi
V  
F